Nani

Allineamenti Possibili

Allineamento neutrale

Gerarchia

Signore dei Nani: Nano di Grande esperienza, votato dagli altri Confratelli per guidarli e difenderli. Il suo compito è addestrare le Giovani Barbe sulla cultura dei Nani e sull'arte della Guerra. E' a capo del Consiglio, formato, insieme a lui, dal Maestro degli Scudi e dagli Spaccaferro più anziani. ( carica unica)

Maestro degli Scudi: braccio destro del Signore dei Nani, avendo potere decisionale in Sua assenza. Ha il compito di consigliare il Signore dei Nani, organizzare cerimonie o avvenimenti importanti e istruire alla conoscenza e al sapere i nuovi confratelli. (carica unica) (carica unica)

Spaccaferro: colui che ha dimostrato il proprio valore in tante battaglie o nella sua arte lavorativa; che tramanda tutte le tradizioni, le leggi naniche e il sapere divino. Si impegna duramente per il bene della Famiglia e di tutti i fratelli in generale.

Giovane barba: nano che non svolge alcun compito all’interno della Famiglia e che deve ancora dimostrare il proprio valore.

Ascia Spezzata: Colui che tradisce la sua razza, che non rispetta i suoi confratelli e le tradizioni dei Nani. Per punizione gli verrà rasata la barba e verrà escluso dalla comunità. Potrà rientrarVi solamente quando la Barba ricrescerà fino a una lungezza prestabilita.

Caratteristiche Generali

I nani di qualsiasi sesso sono massicci e robusti, le femmine meno nerborute dei maschi ma comunque molto forzute. I nani hanno tratti pietrosi e duri, come se fossero scolpiti nel granito. Il collo è molto corto, a prima vista sembrerebbe inesistente, mentre Le spalle sono larghe e forti e il torace è molto corto ma massiccio. Le gambe sono molto corte, e culminano con dei grossi piedoni che li aiutano nel mantenere l'equilibrio. I nani maschi hanno il colore della pelle che varia dal color marrone e rosso scuro, a causa del costante lavoro di guardia all'esterno dei loro bastioni di difesa, mentre le nane hanno una pelle rosea, i tratti sono più raddolciti rispetto ai maschi, hanno le guance paffute, il naso a patata, la bocca piccola ma carnosa. Il seno è prosperoso e i fianchi sono larghi. Solitamente le femmine dei Nani non vanno a combattere, perchè si preferisce proteggerle per via del progressivo calo demografico, tuttavia se il pericolo incalza anche le nane possono rivelarsi temibili avversarie, in grado di utilizzare l'ascia quanto i maschi e con forza, se non uguale, di poco minore. Tutti i nani hanno un potente senso d'orgoglio verso se stessi e la propria razza, cosa che li porta spesso in contrasto con le altre razze. Posseggono una barba che coltivano sin dai primi anni di età. La barba dei nani cresce molto meno rispetto a quella degli umani, ma molto più fitta e crespa. Ci vogliono molti anni per far crescere la barba di un nano fino a raggiungere lo standard della loro comunità. Un nano passerà parecchie ore del suo tempo libero a agghindarsi la barba. Dopo i 150 anni la barba comincia a assumere tonalità più argentee, segno dell'età, che culminerà nei nani più anziani con una barba del colore dell'argento. Per un nano la caduta dei capelli è cosa di poco conto, mentre la caduta dei peli della barba è segno di grande sventura. Le altre razze credono che anche le femmine dei nani siano provviste di barba simile a quelle maschili, ma ciò è una credenza errata. I volti delle nane sono ricoperti di una fine peluria, morbida e delicata al tatto, che non ha nulla a che vedere con le imponenti barbe dei maschi. Vivono in potenti bastioni costruiti dinanzi alle montagne che usano come dimore, edificati dalle loro mani versate nell'architettura, nell'ingegneria, impareggiabili nel lavorare metalli. I nani sono versati incredibilmente nelle arti guerriere, alle quali si addestrano fin dall'infanzia, con l'uso dell'ascia, della mazza o della clava. Aborriscono le spade. Un nano non retrocederà mai di fronte al nemico, nè ammetterà mai la sua inferiorità. Combattono fino alla morte, con coraggio e ardore, senza però dimenticare la prudenza.Sono in grado di resistere alla fatica e il dolore più di qualsiasi altra razza, negli anni hanno sviluppato una resistenza alle magie che gli vengono scagliate. Gli dei Nanici sono Kementari e Aicanaro, rispettivamente idolatrati per la Terra e la Roccia, dimore dei Nani, e i metalli e le pietre preziose.

Longevità: Sono una razza molto longeva, possono vivere fino ai 400 anni.
Veleni: non sono immuni ai veleni.
Nascita: avviene in modo naturale, a seguito di un rapporto tra due nani di sesso opposto.
Morte e ferite: La morte può giungere naturalmente oppure in seguito a ferite. Più ferite di grave entità, se non prontamente curate, provocheranno la morte del nano.

Bonus e Malus

Bonus 1: Resistenza Fisica
La soglia del dolore dei nani è particolarmente alta, ciò permette loro di subire un numero di ferite maggiore a quello di un umano, prima di cadere agonizzante. Grazie allo stile di vita del popolo dei nani, ed alla costituzione naturale, i nani hanno anche una generale maggior resistenza alla fatica ed alle malattie.
Bonus 2: Scurovisione Da sempre abituati a vivere nell’oscurità hanno sviluppato la capacità di vedere anche al buio delle loro grotte, in superficie riescono a vedere perfettamente di notte.

Malus 1: Destrezza Sono la razza più lenta nella corsa e nei movimenti a causa della loro mole. I nani sempre per limiti fisici non riusciranno a compiere movimenti in velocità, scatti, o movimenti molto complessi, o almeno vi riusciranno con lentezza e mostrando molta goffaggine insita nella razza. Impossibile vederli spiccare salti a causa della loro ossatura massiccia e brevilinea. Sono pessimi nuotatori e scarsi corridori. Non sono in grado di montare cavalcature più alte di loro stessi.
Malus 2: Orientamento Nati nelle profondità delle montagne, i nani sono esperti conoscitori del sottosuolo. I loro avi calcano da tempo immemore monti e colline e mai potrebbero perdervisi; al contrario, un nano può smarrirsi nel deserto e certamente si perderebbe in mare aperto. Fuori dalle loro rocche di pietra, l’orientamento dei Nani è facilmente confuso dagli spazi aperti delle “Terre Esterne”, nei quali si ambientano solo con il tempo e non senza disagi. L'acqua, che è in grado di erodere la roccia, risulta un elemento totalmente contrario ai Nani. Difficilmente si cimenteranno in imprese che implichino l'abbandono della terraferma e, se costretti, sopporteranno contritamente questo obbligo. Di conseguenza, nessun Nano può sentirsi a suo agio sull'acqua.

Anatomia Esterna

Aspetto: Hanno aspetto antropomorfo, con le gambe corte, i piedi grandi e infaticabili. Il torso è corto ma largo e robusto, tornito di muscoli. Hanno grandi mani callose, dovute all'imbracciare le armi e ai loro mestieri di grande manualità. Hanno un collo corto, a prima vista inesistente, ma con vertebre più robuste di quelle umane.
Altezza:I maschi sono leggermente più alti e notevolmente più pesanti delle femmine; generalmente sono alti tra 120 e 135 cm
Peso: il peso varia dai 50 kg ai 150 kg
Testa: hanno la testa della stessa forma e dimensione di quella umana, i loro occhi sono neri e i capelli di solito sono neri, grigi, castani e sono portati lunghi.
Tronco: Corto ma allo stesso tempo è molto robusto e resistente, irto di muscoli potenti.
Arti: Le braccia sono più sviluppate rispetto alle gambe. Non riescono a correre per molto tempo e, date le loro piccole dimensioni, non riescono a ricoprire in corsa grandi distanze; in compenso hanno braccia forti e abili nell’uso dell’ascia.
Epidermide: La pelle dei nani generalmente è molto abbronzata (marrone rossiccio scuro) o marrone chiara

Anatomia Interna

Sistema nervoso: nella norma
Sistema cardio-vascolare: nella norma
Sistema respiratorio:I nani nonostante le piccole dimensioni posseggono dei polmoni molto grandi, che causano il suo forte respiro. Un nano riesce a parlare anche per alcuni minuti senza prendere fiato a causa dei suoi potenti polmoni. Spesso, e più che volentieri, per brontolare o lamentarsi con qualcuno.
Apparato digerente: molto sviluppato, infatti i nani riescono ad ingurgitare quantità spropositate di cibo.
Apparato Osseo:Le loro ossa sono spesse e resistenti.
Apparato muscolare:Molto sviluppato, i nani, a dispetto delle dimensioni, sono dotati di una grande forza.
Apparato riproduttore:Si riproducono normalmente, anche se nani di sesso femminile sono piuttosto rari fuori dalle fortezze. Possono altresì accoppiarsi anche con altre razze (fertili) dando vita a strani incroci.

Carattere

Le leggende dei nani, in cui tutti credono fermamente, affermano che essi sono stati scolpiti nel duro granito da Kementari, venerata da loro come la Madre Roccia. Kementari li creò utilizzando, oltre al terreno granitico, pietre e metalli preziosi presi da Aicanaro, che entrò di diritto nelle lodi del Popolo delle Montagne, donando loro la magistrale abilià con metalli e gemme, che estraggono incessantemente dalle viscere della terra, come se Aicanaro stesso gliele porgesse dagli inferi. Aicanaro dunque venne soprannominato il Grande Fabbro, o Fabbro Divino. I Nani sono burberi, irascibili, perdono facilmente la pazienza. Sono molto testardi, però prima di prendere posizione su un argomento ci riflettono molto. Dopodichè però sono inamovibili. Cominceranno interminabili discussioni per far valere la propia ragione, non terminando nemmeno se, per disperazione, gli viene data ragione. Solitamente, anche se messo dinanzi al contrario di ciò che sostiene, un nano perseverà nella sua opinione. I Nani sono molto orgogliosi e permalosi, facili da offendere e difficili da rabbuonire. Tendenzialmente sono introversi e mal disposti alle relazioni interpersonali. E' difficile che un nano chieda scusa. I Nani in gruppo tendono a essere confusionari e caotici. Sono però molto ligi alla disciplina quando si tratta di lavoro, esercito o religione.Un nano è molto brontolone e protesterà per ogni minima sciocchezza, principalmente per il solo gusto di farlo. Per il resto il nano borbotta in tantissime situazioni quando non sa cosa dire. Adorano cantare nei momenti di tristezza o in taverna con altri nani le antiche canzoni degli eroi. Sono molto attirati dalle ricchezze, che accumulano in grande quantità. I nani hanno un forte senso di gerarchia, che tendono a rispettare per ogni minima cosa. E' un evento classico delle culture naniche organizzare feste e banchetti per il semplice gusto di divertirsi, dimenticanto per alcuni momenti la tristezza che affligge il loro popolo in estinzione. L'amicizia con un nano è cosa ardua. Per quanto riguarda i parirazza concepiscono l'amicizia come una cosa dovuta, poichè sentono molto forte l'unione razziale. Contrariamente con le altre razze è molto difficile avere amicizie naniche, poichè un nano fatica a fidarsi. I Nani concepiscono l'onore e la gloria come un dogma. Il tradimento è una cosa inconcepibile per un nano, soprattutto per quanto riguarda la sua razza. Quando un nano fa una promessa, non la infrange per nessun motivo. Ai nani mutilati è dovuto grande rispetto per il loro spirito di sacrificio e la loro abnegazione verso la propria razza, ma per non essere un peso quegli stessi nani si costruiscono protesi per poter continuare a lavorare, senza creare problemi.

Sensi

Vista: Di notte come di giorno i nani vedono perfettamente.
Udito: nella norma
Tatto: nella norma
Olfatto: nella norma
Gusto: nella norma

Forme di Razza

Non si conoscono forme diverse da quella originale.